Crea sito

abitudini

La resistenza al cambiamento: cos’è e come superarla?

La resistenza al cambiamento è una sorta di forza che ci spinge dalla parte opposta a dove vorremmo arrivare. Ma come possiamo superarla???

Davanti al cambiamento ognuno di noi reagisce in modo diverso. 

Cambiare implica dover rompere, abbandonare, quelli che sono i nostri soliti schemi di comportamento, le nostre abitudini, per dar vita ad un qualcosa di nuovo.

La nostra mente è abitudinaria per natura e per questo cambiare richiede sforzo ed energia.

Questa resistenza può essere attribuita a molteplici fattori che influiscono fortemente sul nostro cambiamento: come la motivazione, la consapevolezza, la personalità, la paura di fallire, le esperienze di vita..

Al contrario di ciò che si pensa, la motivazione non è tutto e da sola non basta. Se pur molto motivato, un individuo potrebbe auto-sabotare, inconsapevolmente, il suo progetto di cambiamento non riconoscendosene il diritto o il permesso.

Anche la paura gioca un brutto scherzo, perché diviene essa stessa l’ostacolo al nostro cambiamento. Si preferirà, paradossalmente, rimanere fermi lì dove siamo, sopportare lo stato di malessere (ormai a noi noto e familiare) piuttosto che affrontare le conseguenze negative del cambiamento (questo sconosciuto!), non tenendo così in considerazione le successive conseguenze positive. 

Provare paura è normale, stiamo parlando di un’emozione di base e (..come tutte le altre emozioni) ha una sua funzione importante per la nostra sopravvivenza. Il nostro compito è quello di ascoltarla!

Dandogli un volto, un nome, probabilmente ci sembrerà meno sconosciuta e per questo ci farà meno paura.

Percepire il cambiamento come troppo difficile per le proprie risorse, credere di non avere gli strumenti necessari per fronteggiarlo, spaventa e chiude in se stessi.

Ma come superare questa resistenza?

Il primo step è proprio quello di capire cosa ci spinge a restare fermi. Comprendere i reali motivi per cui facciamo fatica ad accettare quel cambiamento.

La resistenza può essere vista come un’occasione per guardare dentro se stessi…

Piuttosto che chiederti perché provi paura, domandati cosa ti fa paura.

Potremmo anche renderci conto che quel cambiamento non fa per noi e per questo scegliere di non affrontarlo… ma sarà comunque una nostra decisione e non una reazione di evitamento o fuga dovuta alla paura di imbatterci in lui.

È sempre opportuno chiedersi quale sia la scelta giusta per noi.

Che ci piaccia o no la vita è in costante movimento. Ciò che oggi ci appare in un modo, domani potremmo vederlo diversamente. È quindi fondamentale prepararsi ad accogliere il cambiamento, piuttosto che temerlo.

Cosa succederebbe se non cambiassi nulla?

Potrebbe peggiorare la situazione?

Sono queste le domande che dovresti porti per capire dove vuoi arrivare e cosa davvero vuoi raggiungere.

Parti con piccoli passi, poniti piccoli obiettivi.. un piccolo cambiamento di oggi porta ad un domani diverso.

Noi siamo responsabili della nostre azioni, trovare giustificazioni o incolpare gli altri non cambierà le cose e non ti farà stare meglio.

Voler cambiare gli altri o sperare che una forza esterna ci salvi non può essere la soluzione.

L’unica persona che possiamo cambiare siamo noi stessi. 

Perciò inizia dal modo in cui ti parli, poni attenzione alle parole che utilizzi per descrivere le situazioni.. le parole sono i primi mattoni del muro della resistenza e posso modificare la percezione delle cose.

Prima di partire in quarta, fermati e respira. È davvero come pensi che sia? O sei influenzato da ciò che hai già vissuto?

Anche le abitudini sono per noi delle minacce (si certo, non tutte ma alcune sono dannose). Quello che puoi fare è cercare di individuare quelle che minano il tuo percorso e, procedendo sempre a piccoli passi, provare a sostituirle con delle nuove.

Come ti dicevo, se inserisci quotidianamente un piccolo cambiamento, quasi impercettibile, potrai pian piano arrivare al tuo obiettivo “ingannando” la mente.

Se parti da grandi obiettivi e cambiamenti rivoluzionari è più facile che tu fallisca, facendo accadere proprio quello che temevi! 

Quale piccola azione puoi fare oggi per cambiare il tuo domani?

Pensaci.. e fammi sapere cosa ne pensi.

Ricorda che.. 

“Il cambiamento è difficile all’inizio, faticoso nel mezzo ma meraviglioso alla fine”

..non privartene! 

Perché dovremmo rivolgerci ad uno psicologo dell’alimentazione? Non basta contattare un nutrizionista, farsi scrivere la dieta e seguirla?Contattare un personal trainer e seguire tutti i suoi consigli per mantenersi in forma? Senz’altro,  è utile e necessario chiedere un aiuto a chi è più competente di noi! Ma allora perché si continua ad essere in una costante lotta […]

Contina a Leggere